Infrastrutture, Giovannini: insufficienza non solo per ritardi, anche per scarsi investimenti

infrastrutture giovannini

“L’insufficienza infrastrutturale del nostro paese non dipende solo dai ritardi, ma anche da una carenza ormai ventennale dagli investimenti. Non basta quindi semplificare e rendere più veloci le procedure, occorre anche investire molto di più”. Lo dice in un’intervista alla ‘Nazione’ il ministro delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, secondo cui in Italia la lentezza nel realizzare le opere è legata a una “una serie di procedure” che “sono lunghe e talvolta contraddittorie, perché a causa del depauperamento del capitale umano, della mancanza di un ricambio generazionale e di nuove competenze molte stazioni appaltanti non sono in grado di produrre progetti adeguati.

Inoltre, i processi decisionali coinvolgono troppi soggetti e questo determina ulteriori rallentamenti”. “Due settimane fa – continua – insieme al ministro Brunetta, ho insediato una commissione della quale fanno parte Corte dei Conti, Consiglio di Stato e Autorità anticorruzione per studiare come cambiare il processo che determina un’opera pubblica. Parallelamente un altro gruppo nel ministero sta lavorando per re-ingegnerizzare le procedure.

E anche il dibattito pubblico andrà anticipato. Dobbiamo fare presto. Se un’opera pubblica impiega 10 anni per essere realizzata e il Recovery Plan ci dà solo 5 anni perché entri in funzione, pena la perdita dei finanziamenti, è chiaro che dobbiamo intervenire in modo abbastanza radicale: non possiamo perdere l’occasione di spendere bene e rapidamente i circa 200 miliardi del Next Generation Eu. L’obbligo di avere opere in esercizio entro il 2026 non è solo un limite ma anche uno stimolo importante che vogliamo e dobbiamo raccogliere”, insiste Giovannini.