Whirlpool Napoli, i sindacati: «Subito un tavolo a Palazzo Chigi»

“Non c’e’ ancora una soluzione e non c’e’ ancora il tavolo che deve esserci, quello con la presidenza del Consiglio”. Riassume cosi’ Walter Schiavella, segretario generale della Cgil di Napoli, l’incontro di oggi alla Prefettura di Napoli con il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano, incentrato sulla necessita’ di una soluzione alla vertenza Whirlpool. La multinazionale da parte sua ha ormai dichiarato che la produzione nello stabilimento di Napoli cessera’ il prossimo 31 ottobre. Presenti all’incontro, in rappresentanza dei rispettivi SINDACATI, anche Giampiero Tipaldi, segretario generale Cisl Napoli e Giovanni Sgambati, pari ruolo della Uil. “Continuita’ lavorativa per il sostegno al reddito e impegno industriale inderogabile per le aziende, anche dell’indotto”, sono le richieste portate avanti da Tipaldi, un’idea sostenuta anche dal segretario Sgambati: “Ci sono gia’ tensioni – ha dichiarato – quindi ci sono due istanze di fondo: la richiesta di andare a Palazzo Chigi quanto prima e che Whirlpool cambi idea, perche’ non c’e’ altra alternativa. Senza la Whirlpool – prosegue Sgambati – Napoli est non ha sviluppo. Ecco perche’ – conclude – tutto il mondo del lavoro e il sindacato insistono perche’ questa vertenza abbia esito positivo”.