Caserta: parrucchieri ed estetisti pronti a scendere in piazza

Nell’arco del 2020, complici la pandemia e il lockdown, gli acconciatori irregolari sarebbero quasi raddoppiati in provincia di Caserta. Lo denuncia Confcommercio. “Serve un’azione forte da parte delle autorita’ – chiarisce il presidente provinciale di Confcommercio Caserta, Lucio Sindaco – perche’ la situazione e’ sempre piu’ grave e la risposta non piu’ procrastinabile. In gioco ci sono infatti migliaia di posti di lavoro e tante attivita’ che rischiano di dover chiudere i battenti”. Di fronte al dilagare del fenomeno, parrucchieri, barbieri ed estetiste sono pronti a scendere in piazza per dire ‘no’ con forza all’abusivismo commerciale e artigianale. “Stanare gli abusivi – spiega Sindaco – non significa soltanto mettere fine ad un sistema di concorrenza sleale che sta minando alla base la produttivita’ di un intero comparto, ma anche scongiurare conseguenze pericolose sul piano igienico-sanitario. Mentre i titolari di coiffeur e centri estetici sono tenuti ad osservare una serie di misure anche piuttosto rigide nel rispetto delle nuove prescrizioni anti Covid, gli irregolari sfuggono a qualsiasi tipo di controllo e nessuno puo’ quindi garantire che adottino le dovute precauzioni a tutela della salute della clientela. Su questo tema la Confcommercio ha gia’ avviato, nei mesi scorsi, una interlocuzione con la Prefettura, e resta in fiduciosa attesa di un risultato. Nel frattempo non si esclude l’ipotesi di una manifestazione pacifica che possa accendere i riflettori su una situazione cosi’ drammatica”. La categoria, alle prese con una perdita di fatturato che ha toccato ormai la soglia del 40%, sta studiando una serie di proposte, da sottoporre all’attenzione delle istituzioni, finalizzate tra l’altro ad ottenere una riduzione dei costi fissi che consenta il mantenimento dei livelli di produttivita’, una dilazione del pagamento delle imposte locali ma anche un regolamento che permetta di disciplinare in modo piu’ organico il settore.