Ryanair taglia 3 mila posti di lavoro e riduce gli stipendi

Ryanair

Ryanair sta pianificando di tagliare 3.000 posti di lavoro e di ridurre le retribuzioni del personale fino a un quinto in risposta alla crisi del Covid-19, che ha messo a dura prova il trasporto aereo globale. La compagnia aerea ha dichiarato che sta tagliando il 15% della sua forza lavoro di 20.000 dipendenti, in quanto non si aspettava che il numero di passeggeri o i prezzi tornassero ai livelli pre-coronavirus prima dell’estate del 2022. Nell’ambito di un programma di drastici tagli dei costi, Ryanair ha dichiarato che potrebbe chiudere un certo numero di basi in tutta Europa fino alla ripresa dei viaggi aerei.

L’amministratore delegato, Michael O’Leary, ha deciso un taglio del 50% degli stipendi per aprile e maggio e ora lo ha esteso fino alla fine di marzo del prossimo anno. O’Leary ha detto che il pacchetto di misure, che include il congedo non retribuito per il personale, rappresenta il “minimo per sopravvivere ai prossimi 12 mesi”.

Alla Bbc, il manager ha detto: “Se non si trova un vaccino, allora chiaramente potremmo dover annunciare altri tagli e tagli più profondi nel futuro”. La società, che prevede di registrare una perdita netta di oltre 100 milioni di euro (87 milioni di sterline) per il primo trimestre e per tutta l’estate, ha detto che la ristrutturazione e la perdita di posti di lavoro inizieranno a luglio. I tagli di posti di lavoro riguarderanno soprattutto i piloti e il personale di cabina, anche se le misure colpiranno anche i team della sede centrale e del back office.