Interessi di mora extra soglia, il Tribunale di Campobasso condanna una banca su ricorso presentato da un artigiano

Con la sentenza 247, il Tribunale civile di Campobasso annulla il pagamento degli interessi dovuti da un artigiano di Campomarino (Campobasso) ad una banca con sede a Campobasso, per il mutuo ipotecario della durata di 30 anni a causa di interessi di mora pattuiti superiori al tasso soglia. Di conseguenza tutte le rate liquidate dal piccolo imprenditore sono da considerarsi come restituzione del solo capitale. Si conclude con una decisione destinata a fare giurisprudenza, il processo a carico dall’azienda del credito molisana su ricorso presentato dall’artigiano del Basso Molise, assistito dall’avvocato Domenico D’Amico di Lanciano (Chieti). L’uomo aveva stipulato un mutuo ipotecario di 125 mila euro nel 2006 a 30 anni. “Quello statuito dal Tribunale di Campobasso – dichiara l’avvocato di Lanciano Domenico D’Amico – e’ un principio di estrema importanza: la condanna dell’Unicredit spa avviene sulla base di una pattuizione di interessi che rappresenta una fase precedente al pagamento degli stessi. La banca dovra’ ora rimodulare l’intero piano di ammortamento e l’intera somma pagata dal ricorrente dovra’ essere considerata solo come capitale. Questo e’ un precedente importante”.