Fase 2 in Campania: ecco le misure di sostegno per l’agricoltura e per la pesca

Visto il Decreto Dirigenziale n. 97 del 19/05/2020, in merito al Piano per l’emergenza economica della Regione Campania e le misure di sostegno alle aziende agricole,della pesca e per i comparti dell’agricoltura, per quanto riguarda l’approvazione di avvisi pubblici per l’erogazione di un bonus una tantum a favore delle stesse.

Per i comparti sopra indicati in premessa si decreta:
1. di stabilire che l’erogazione del bonus una tantum alla imprese agricole, della pesca e acquicole, agli allevatori del comparto bufalino e alle aziende del comparto florovivaistico regionale debba avvenire rispettando le condizioni previste nel quadro temporaneo al paragrafo 3.1 e al paragrafo 4, ed in particolare:

-l’aiuto sarà concesso sulla base di un regime con budget previsionale e riservato alle imprese che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli e della pesca e dell’acquacoltura;
• l’aiuto non sarà concesso a imprese che si trovavano già in difficoltà (ai sensi del regolamento generale di esenzione per categoria) il 31 dicembre 2019.
• l’aiuto sarà concesso entro e non oltre il 31 dicembre 2020;
• l’aiuto erogato è cumulabile con tutte le indennità e le agevolazioni, anche finanziarie, emanate a livello nazionale per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da “COVID-19”, nel rispetto delle specifiche regole di cumulo dei singoli regimi ed in ogni caso l’aiuto complessivo non supererà i 120000 EUR per ciascuna impresa operante nel settore della pesca e dell’acquacoltura o 100000 EUR per ciascuna impresa operante nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli;
• l’aiuto concesso alle imprese operanti nella produzione primaria di prodotti agricoli non è stabilito in base al prezzo o al volume dei prodotti immessi sul mercato;
• gli aiuti alle imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura non riguardano alcuna delle categorie di aiuti, del regolamento (UE) n. 717/2014 della Commissione;
• nel caso in cui un’impresa sia attiva in diversi settori a cui, si applicano massimali diversi, sarà garantito, con mezzi adeguati come la separazione contabile, che per ciascuna di tali attività sia rispettato il massimale pertinente.
• le informazioni pertinenti relative ad ogni singolo aiuto concesso saranno pubblicate sul sito web esaustivo sugli aiuti di Stato entro 12 mesi dal momento della concessione.
• sarà garantita la presentazione della relazione annuale alla Commissione.
• sarà garantita la conservazione delle registrazioni particolareggiate relative alla concessione degli aiuti. Tali registrazioni contenenti tutte le informazioni necessarie a stabilire che le condizioni necessarie siano state rispettate, saranno conservate per 10 anni a partire dalla concessione degli aiuti e saranno fornite alla Commissione dietro richiesta della stessa.
• sarà comunicato all’Amministrazione centrale di riferimento l’attivazione del regime al fine della trasmissione entro il 31/12/2020 dell’elenco delle misure poste in essere sulla base dei regimi approvati in virtù del il quadro temporaneo;

2. di approvare gli avvisi relativi all’erogazione del bonus una tantum alle imprese agricole, alle imprese armatrici di imbarcazioni da pesca ed alle imprese acquicole  alle imprese del comparto bufalino regionale, alle imprese del comparto florovivaistico regionale allegati al presente decreto, di cui costituiscono parte integrante e sostanziale, predisposti dalla Direzione Generale Politiche Agricole Alimentari e Forestali per dare attuazione alle
misure/azioni del Piano di dettaglio di cui alla DGR 211/2020, elaborato in attuazione della DGR n. 170/2020;

3. di approvare altresì informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 679/2016 delle disposizioni attuative di cui al D.Lgs. 10 agosto 2018, n. 101, che viene resa ai richiedenti i contributi di cui al presente provvedimento;

4. di precisare che le iniziative relative all’erogazione dei bonus una tantum di cui agli avvisi trovano copertura finanziaria attraverso l’impiego delle risorse provenienti dal Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020 per un importo complessivo di 70.000.000,00 milioni di euro;

5. di procedere alla concessione del bonus una tantum, secondo gli avvisi, alle imprese agricole, alle imprese armatrici di imbarcazioni da pesca ed imprese acquicole , alle imprese del comparto bufalino e alle imprese del comparto florovivaistico regionale , a seguito dell’adozione della decisione di compatibilità, da parte della Commissione europea ai sensi dell’art. 108 TFUE avvenuta con Decisione C(2020)3388 del 19/05/2020 che ha approvato il regime di aiuto SA57349;

6. di incaricare la UOD 50.07.06 della divulgazione dei contenuti degli avvisi e dei termini di attuazione in essi riportati, anche attraverso il sito web della Regione;

7. di dare atto che per il presente provvedimento sussistono gli obblighi di pubblicazione sul sito internet istituzionale della Giunta e del Consiglio in una apposita sottosezione della sezione Amministrazione trasparente;

8. di dare atto che per il presente provvedimento sussistono gli obblighi di pubblicazione, pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni sul sito internet istituzionale della Giunta Regionale della Campania nella sottosezione sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici – Criteri e modalità, della Sezione Amministrazione Trasparente;

9. di trasmettere il presente decreto:
– al Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta Regionale;
– al Responsabile della Programmazione Unitaria Regionale della Campania;
– alla UOD 50.07.06 per la pubblicazione sul sito internet dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania;
– ai Centri Autorizzati di Assistenza Agricola accreditato dall’OP AGEA (CAA) operanti in Campania.
– al BURC per la pubblicazione

CLICCA QUI PER GLI ALLEGATI:

ALLEGATO 1 per le imprese agricole;

ALLEGATO 2 per le imprese acquicole